Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Scarifica, stesa e compattazione a tempi di record

Le macchine del Wirtgen Group hanno ripristinato la pavimentazione dell'Autostrada A5 in corrispondenza del nodo di Francoforte sul Meno, uno dei più importanti della rete autostradale tedesca, in sole 57 ore

article_4443-img_1411
L’inquadramento dell’opera

Il nodo autostradale Frankfurter Kreuz è frequentato in media da circa 135.000 veicoli al giorno. Un tale volume di traffico richiede una preparazione particolarmente accurata dell’intervento di ripristino e la massima velocità nell’esecuzione dei lavori. Era quindi proprio il lavoro giusto per le macchine del Wirtgen Group, che hanno dominato la scena in cantiere, svolgendo il proprio compito in modo affidabile e con ottimi risultati in meno di 57 ore.

Immagini

  • In due tratti dell’autostrada è stato rinnovato persino lo strato di fondazione in misto cementato, la cui compattazione è stata affidata a rulli monotamburo Hamm della Serie 3000
    article_4443-img_1412
    In due tratti dell’autostrada è stato rinnovato persino lo strato di fondazione in misto cementato, la cui compattazione è stata affidata a rulli monotamburo Hamm della Serie 3000
  • L’Ing. Siena Schneider, uno dei quattro Direttori dei Lavori, durante il turno di giorno ha garantito che tutti i lavori potessero svolgersi senza inutili perdite di tempo
    article_4443-img_1413
    L’Ing. Siena Schneider, uno dei quattro Direttori dei Lavori, durante il turno di giorno ha garantito che tutti i lavori potessero svolgersi senza inutili perdite di tempo
  • Sorriso rilassato dopo una nottata di lavoro intenso: per l’Ing. Jörg Freitag, Direttore Regionale dei lavori di fresatura stradale presso la Ditta SAT, la pianificazione minuziosa ha dato i suoi frutti: “Abbiamo svolto il lavoro con piena soddisfazione. Ora lasciamo l’ultima fase dell’intervento ai colleghi del reparto asfaltatura”
    article_4443-img_1414
    Sorriso rilassato dopo una nottata di lavoro intenso: per l’Ing. Jörg Freitag, Direttore Regionale dei lavori di fresatura stradale presso la Ditta SAT, la pianificazione minuziosa ha dato i suoi frutti: “Abbiamo svolto il lavoro con piena soddisfazione. Ora lasciamo l’ultima fase dell’intervento ai colleghi del reparto asfaltatura”
  • Qui non si è perso tempo: mentre la fresa sta scarificando gli ultimi metri cubi dello strato di binder, il rullo compressore è già pronto a intervenire con il serbatoio del carburante pieno
    article_4443-img_1415
    Qui non si è perso tempo: mentre la fresa sta scarificando gli ultimi metri cubi dello strato di binder, il rullo compressore è già pronto a intervenire con il serbatoio del carburante pieno
  • Il rullo gommato GRW 280 e la vibrofinitrice Super 1900-2: una squadra affiatata con garanzia di successo
    article_4443-img_1416
    Il rullo gommato GRW 280 e la vibrofinitrice Super 1900-2: una squadra affiatata con garanzia di successo
  • Una tempistica rigida: sulle due corsie di sinistra, nelle immediate vicinanze dell’aeroporto di Francoforte, è stato posto in opera dalle 6.00 lo strato di base su un’area di 3.875 m². Già verso mezzogiorno è iniziata la stesa dello strato di collegamento
    article_4443-img_1417
    Una tempistica rigida: sulle due corsie di sinistra, nelle immediate vicinanze dell’aeroporto di Francoforte, è stato posto in opera dalle 6.00 lo strato di base su un’area di 3.875 m². Già verso mezzogiorno è iniziata la stesa dello strato di collegamento

Si era resa necessaria la demolizione di un cavalcavia lungo l’Autostrada A5 nei pressi dello svincolo di Darmstadt, circa 15 km a Sud della succitata interconnessione. A tale scopo si doveva chiudere al traffico la frequentatissima A5: un’occasione ideale, quindi, per eseguire contemporaneamente gli urgenti lavori di ripristino in corrispondenza del nodo autostradale di Francoforte.

La maggior parte del traffico era già stata deviata, per cui la probabilità che si formassero lunghe code era minima. La finestra temporale perfetta per tali interventi era il periodo compreso fra il 3 e il 6 Ottobre 2013. Quell’anno la festa nazionale del 3 Ottobre, il Giorno della Riunificazione, cadeva di giovedì, quindi era atteso un ponte con meno traffico del solito.

Dunque la Hessen Mobil ha programmato l’intervento di ripristino dell’A5 per tale periodo: ciò significava che tutti i lavori, dalla chiusura al traffico fino alla riapertura dei tratti completamente ripristinati, dovevano essere ultimati entro 57 ore, ossia entro due giorni e tre notti.

Un progetto con sei cantieri

La carreggiata autostradale è stata ripristinata in entrambe le direzioni in complessivamente sei punti, per una superficie totale di circa 18.200 m².

Nell’intervento tutto doveva filare liscio, visto che “un’ulteriore chiusura totale dell’A5 in tale tratto non è più programmata” – come ha spiegato Burkhard Vieth, Presidente della Hessen Mobil.

Nel progetto da 1,6 milioni di Euro sono state pertanto impiegate parecchie risorse in termini di personale e macchinari: una cinquantina di operai era attiva direttamente nel cantiere. Inoltre nei tempi di punta brulicavano nel cantiere ben 63 camion. “È stato un intervento davvero particolare, anche per noi” – ha raccontato il supervisore dei lavori, l’Ing. Wolfgang Lustig della Strabag AG.

Intervento notturno per 12 frese stradali

Nel giorno festivo, i pianificatori hanno lasciato l’autostrada ancora alle automobili.

Ma le macchine erano già pronte a intervenire: subito dopo la chiusura al traffico, avvenuta alle ore 22.00, nove frese stradali di grossa taglia e tre piccole frese hanno scarificato la pavimentazione autostradale. In parte hanno fresato solo gli strati d’usura e di binder, in parte l’intero pacchetto di conglomerato bituminoso e in due tratti anche lo strato di fondazione in misto cementato dello spessore di 32 cm, a seconda dello stato di degrado della pavimentazione.

Erano temporalmente critici soprattutto i tratti in cui dovevano essere rinnovati sia lo strato di fondazione in misto cementato sia la sovrastruttura in conglomerato bituminoso. In tali aree vi era infatti una certa tensione nell’aria, “visto che al primo raggio di sole dovevamo essere in grado di iniziare con la stabilizzazione del nuovo strato di fondazione in misto cementato” – ha spiegato l’Ing. Siena Schneider, Direttore dei Lavori in tre dei sei lotti di cantiere.

Le frese Wirtgen sono una “banca sicura”

Jörg Freitag, Direttore Regionale presso la SAT – Società del Gruppo Strabag specializzata nella fresatura stradale -, ha coordinato l’intervento di propria competenza: “In questa specifica operazione abbiamo lavorato esclusivamente con frese Wirtgen. Le efficienti frese di grossa taglia ci hanno permesso di rispettare con precisione sia le profondità di fresatura prescritte che la ristretta finestra temporale”. Il conglomerato bituminoso è stato asportato strato per strato, per separare il prezioso fresato e riciclarlo in seguito nel migliore dei modi.

Poiché i pianificatori avevano previsto una capacità di camion sufficiente, le macchine ad alte prestazioni hanno potuto esprimere tutte le loro potenzialità, riuscendo a scarificare effettivamente oltre 200 t/ora a macchina.

Era di importanza essenziale che i lavori di fresatura si svolgessero con la massima celerità. A titolo precauzionale era pertanto sempre presente sul posto un Tecnico. Ma il nostro Capo Officina non ha dovuto intervenire; come di consueto, tutto è filato liscio come l’olio” – ha riassunto Jörg Freitag quando, dopo 14 ore di lavoro, le ultime macchine hanno lasciato il cantiere.

Logistica avanzata: tre strati di asfalto, cinque tipi di conglomerato

Ancora con il buio, i colleghi hanno preparato le prime vibrofinitrici e i rulli compattatori, in modo da poter iniziare alle prime luci dell’alba con la stesa del conglomerato bituminoso nei tratti già completamente scarificati in precedenza. Anche qui la Strabag ha impiegato varie macchine del Wirtgen Group: rulli monotamburo e rulli gommati Hamm hanno provveduto a compattare il nuovo strato di fondazione in misto cementato, mentre vibrofinitrici Voegele e rulli Hamm hanno fatto la parte del leone nei lavori di asfaltatura.

Il coordinamento della stesa di cinque diversi conglomerati provenienti da cinque impianti di confezionamento in sole 36 ore è stato un’enorme sfida logistica. Si trattava di trasportare complessivamente 10.000 t di materiale, dirigendo nel punto di stesa giusto e al momento giusto fino a 30 camion con il conglomerato bituminoso prescritto. Grazie all’accurata pianificazione, alla chiara definizione delle responsabilità e all’impiego di quattro vibrofinitrici Voegele modello Super 1900-2 tutto è filato liscio. E hanno convinto pure i risultati ottenuti: “Le vibrofinitrici Voegele offrono una qualità di stesa di prim’ordine specialmente in presenza di ampie larghezze operative, che lungo la A5 raggiungevano anche 7,80 m. I banchi conseguono un alto grado di precompattazione in modo molto uniforme su tutta la larghezza di stesa”. Così il Capo Settore Tecnico, l’Ing. Georg Müller, ha descritto i pregi delle sue vibrofinitrici stradali.

I rulli Hamm in prima fila

Hanno assunto ruoli da protagonista pure i rulli gommati Hamm GRW 280: subito dopo il passaggio delle vibrofinitrici, hanno provveduto alla compattazione iniziale. Dopo di essi erano in servizio diversi rulli tandem, tra cui rulli a trazione integrale della Serie DV così come rulli articolati della Serie HD con vari pesi operativi.

Sotto l’aspetto tecnologico, le macchine Hamm impiegate dalla Strabag si fanno apprezzare per caratteristiche come la morbida inversione automatica del senso di marcia, che consente una compattazione di alta qualità senza la formazione di rigonfiamenti e rifluimenti.

Dal punto di vista degli operatori, invece, i rulli compattatori del Wirtgen Group vantano in tutte le serie di modelli un’eccellente visuale sull’ambiente circostante e comode postazioni di lavoro.

Personale formato per la gestione efficiente dei lavori

Oltre alla qualità delle macchine, anche la buona formazione delle squadre di operatori è un aspetto importante per la buona riuscita del progetto. “Affinché le nostre squadre siano in grado di fornire un lavoro di qualità, facciamo frequentare periodicamente agli operatori delle macchine e ai capisquadra di stesa corsi di aggiornamento. In questo ambito apprezziamo il buon programma di corsi delle succursali e degli stabilimenti del Wirtgen Group” – spiega l’Ing. Müller.

Nei Corsi organizzati dal Wirtgen Group, degli Istruttori professionisti trasmettono molte conoscenze specialistiche in merito alle macchine, alla scarifica e alla posa in opera di pavimentazioni in conglomerato bituminoso, illustrando come impostare e usare le specifiche macchine nonché come eseguire la manutenzione ed eliminare piccoli guasti.

Tutto ciò si riflette positivamente sull’efficienza, sulla durata di vita e sulla disponibilità delle macchine.

La tempistica è stata rispettata nonostante la pioggia

Sabato alle ore 18.00 erano stati posti in opera tutti gli strati in conglomerato bituminoso. E questo nonostante la notte precedente intensi piovaschi avessero temporaneamente ritardato i lavori, un vero dramma considerata la tempistica molto ristretta.

Quando alle 6.00 del mattino di domenica il nuovo manto stradale si era sufficientemente raffreddato, la Hessen Mobil ha riaperto al traffico l’autostrada ripristinata, come previsto dopo 57 ore. Da allora il traffico scorre nuovamente. Con un TGM di 135.000 veicoli.