Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Conto alla rovescia per TEEM

La costruzione della A58 è in fase conclusiva

Il traguardo rappresentato dall’entrata in esercizio due/tre settimane dopo l’avvio di Expo (1° Maggio) appare ormai vicino. La costruzione della A58-Tangenziale Est Esterna di Milano ha infatti imboccato la dirittura finale. Questo nel totale rispetto di un cronoprogramma stilato con l’obiettivo di arrivare alla consegna del tracciato autostradale in meno di tre anni dall’apertura dei cantieri (11 Giugno 2012) e di sette mesi dall’inaugurazione di Arco TEEM (dal 23 Luglio 2014 sono percorribili i 7 km da Pozzuolo Martesana a Liscate raccordati con la A35 BreBeMi). A fine Febbraio, le opere previste risultavano, del resto, realizzate all’85% nel Lotto Nord, al 70% nel Lotto Centro (tratte aggiuntive rispetto ad Arco TEEM) e al 78% nel Lotto Sud.

Immagini

  • Una delle 67 colonnine SOS
    article_5360-img_3261
    Una delle 67 colonnine SOS
  • L’interconnessione tra TEEM e Bre.Be.Mi in esercizio dal 23 Luglio 2014
    article_5360-img_3262
    L’interconnessione tra TEEM e Bre.Be.Mi in esercizio dal 23 Luglio 2014
  • Il casello di Pozzuolo Martesana già dotato di impianti tecnologicamente all’avanguardia
    article_5360-img_3263
    Il casello di Pozzuolo Martesana già dotato di impianti tecnologicamente all’avanguardia
  • Il casello di Pozzuolo Martesana già dotato di impianti tecnologicamente all’avanguardia
    article_5360-img_3264
    Il casello di Pozzuolo Martesana già dotato di impianti tecnologicamente all’avanguardia
  • Il casello di Pozzuolo Martesana già dotato di impianti tecnologicamente all’avanguardia
    article_5360-img_3265
    Il casello di Pozzuolo Martesana già dotato di impianti tecnologicamente all’avanguardia
  • Il viadotto Lambro è ormai quasi completamente realizzato
    article_5360-img_3266
    Il viadotto Lambro è ormai quasi completamente realizzato
  • I lavori per il raccordo fra TEEM e A1 Milano-Napoli
    article_5360-img_3267
    I lavori per il raccordo fra TEEM e A1 Milano-Napoli
  • L’interconnessione della A4
    article_5360-img_3268
    L’interconnessione della A4
  • Una carreggiata dell’Arco TEEM prima dell’apertura al traffico
    article_5360-img_3269
    Una carreggiata dell’Arco TEEM prima dell’apertura al traffico
  • Il manto stradale con asfalto drenante sull’Arco TEEM
    article_5360-img_3270
    Il manto stradale con asfalto drenante sull’Arco TEEM
  • La costruzione della A58-Tangenziale Est Esterna di Milano ha imboccato la dirittura finale
    article_5360-img_3271
    La costruzione della A58-Tangenziale Est Esterna di Milano ha imboccato la dirittura finale

È quasi agli sgoccioli, insomma, il conto alla rovescia verso l’entrata in esercizio dei 32 km da Agrate Brianza a Melegnano interconnessi a Nord con l’A4 Milano-Venezia e a Sud con l’A1 Milano-Napoli che soprattutto i pendolari, penalizzati per mezzo secolo da code e rallentamenti, hanno scandito per tutta la durata dei lavori a tempo record della costruzione di TEEM.

Presto automobilisti, autotrasportatori e motociclisti incominceranno, quindi, a transitare lungo il tracciato autostradale di una grande opera strategica progettata allo scopo di modernizzare la mobilità del quadrante Sud-Est dell’Area Metropolitana decongestionando il traffico leggero e pesante pure sulla viabilità ordinaria (figurano in stato avanzato di realizzazione sia la costruzione a carico di soggetti prevalentemente privati di 38 km di nuove arterie sia la riqualificazione di 15 km di Strade Provinciali e Comunali esistenti), rendendo più rapidi gli spostamenti anche sulle Tangenziali milanesi e innalzando lo stile di vita dei cittadini.

TEEM va, perciò, inquadrata nell’ottica di un’infrastruttura-sistema caratterizzata, oltre che da 30 km di piste ciclabili e da nove Progetti Speciali Ambientali, da tantissimi collegamenti ordinari a percorrenza gratuita auspicati dai quattro milioni di residenti nell’Area Metropolitana incardinata sulle Province di Bergamo, Monza e Brianza, Milano e Lodi. Si tratta di un territorio in cui, quotidianamente, due milioni di mezzi percorrono una rete di assi autostradali, tangenziali e strade ordinarie sostanzialmente immutata dagli anni Ottanta in avanti, con il risultato che – nonostante un generale contenimento della circolazione indotto dalla crisi economica – lungo diverse arterie si formano incolonnamenti di tale portata da riflettersi negativamente sulla competitività delle imprese e sulla qualità dell’aria.

Tra qualche settimana, gli utenti di TEEM potranno, invece, fruire di un’infrastruttura realizzata dalle eccellenze italiane del settore costruzioni con l’obiettivo di garantire la massima sicurezza ad automobilisti, autotrasportatori e motociclisti non solo attraverso opere di altissima valenza ingegneristica ma anche tramite la prima certificazione nazionale ISO 39001 ottenuta nel settore delle infrastrutture dalla Concessionaria Tangenziale Esterna SpA.

L’oggetto di tale certificazione risulta, del resto, proprio la sicurezza stradale da assicurare ai futuri utenti già a partire dalla costruzione dell’opera. La ISO 39001:2012 “Road Traffic safety (RTS) management Systems” pubblicata nel 2012 è un sistema di gestione standard il cui scopo principale risulta, appunto, quello di ridurre il numero di decessi e feriti gravi derivanti dagli incidenti stradali. Fulcro di tutte le azioni previste è, del resto, la prevenzione. La peculiarità innovativa più rilevante della certificazione è basata, d’altra parte, sulle conseguenze sociali che comporta l’implementazione del Sistema RTS. Ciò non giova solo all’organizzazione che applica la Norma ma anche a terzi. È, infatti, possibile riconoscere nel sistema di gestione per la sicurezza stradale un possibile metodo per affrontare e prevenire gli infortuni in itinere e su circolazione stradale durante il lavoro.

A fronte delle importanti dimensioni del lavoro da svolgere in ottica di certificazione, Tangenziale Esterna SpA ha redatto un Piano per le attività di progettazione, implementazione, controllo e certificazione del Sistema RTS. Quattro le fasi principali di questo processo:

  • l’analisi iniziale;
  • la progettazione del sistema di gestione del sito;
  • la verifica intermedia e l’implementazione del sistema;
  • l’audit interno, il riesame della direzione e la certificazione.

Al di là della certificazione ISO 39001:2012, la sicurezza dei futuri utenti di TEEM verrà, comunque, garantita da un apparato tecnologico ultramoderno alimentato da 70 km di fibra ottica a velocità della luce già posata. In particolare, lungo l’autostrada funzioneranno 96 telecamere ad alta definizione per il monitoraggio diurno e notturno dell’intera tratta, 26 pannelli a messaggio variabile, 67 colonnine SOS con tecnologia GSM, 16 torri-faro con illuminazione a led, quattro impianti di rilevazione meteo e condizioni dell’asfalto e cinque caselli a elevata automazione.