Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Visione e priorità strategica con i telescopici MHT

Dopo il lancio dei nuovi MHT 790, 1490 e lo scorso anno del MHT14350, il più grande sollevatore telescopico al mondo, Manitou continua a rinnovare la gamma di grande tonnellaggio con tre nuove macchine: le MHT 10130, 10180 E 10230. La Stampa Tecnica europea specializzata è stata invitata a visitare la sede di Manitou Italia a Castelfranco Emilia, Filiale italiana del Manitou Group

Siamo arrivati all’ingresso della sede di Manitou Italia e calorosamente accolti dai Responsabili dell’Azienda, subito abbiamo avuto l’impressione di trovarci in una struttura pulita ed elegante e allo stesso tempo imponente e ben organizzata.

Immagini

  • Da sinistra, l’MHT 10180 con pinza gommata, l’MHT 10230 con pinza cilindri e l’MT-X732 Mining
    article_8364-img_7005
    Da sinistra, l’MHT 10180 con pinza gommata, l’MHT 10230 con pinza cilindri e l’MT-X732 Mining
  • Jerome Lecardonnel, VP Global Key Account
    article_8364-img_7006
    Jerome Lecardonnel, VP Global Key Account
  • I magazzini di stoccaggio
    article_8364-img_7007
    I magazzini di stoccaggio
  • L’area allestimenti speciali
    article_8364-img_7008
    L’area allestimenti speciali
  • Le linee di montaggio della Serie MRT
    article_8364-img_7009
    Le linee di montaggio della Serie MRT
  • Le macchine pronte al collaudo finale nel piazzale
    article_8364-img_7010
    Le macchine pronte al collaudo finale nel piazzale
  • Un motore Mercedes Final Tier IV
    article_8364-img_7011
    Un motore Mercedes Final Tier IV
  • Un braccio telescopico del sollevatore MRT in fase di montaggio
    article_8364-img_7012
    Un braccio telescopico del sollevatore MRT in fase di montaggio
  • article_8364-img_7013
  • Molteplici accessori per molteplici impieghi
    article_8364-img_7014
    Molteplici accessori per molteplici impieghi
  • Una macchina con allestimento del cestello per lavoro aereo speciale da miniera o da galleria
    article_8364-img_7015
    Una macchina con allestimento del cestello per lavoro aereo speciale da miniera o da galleria
  • La cabina vista dall’interno
    article_8364-img_7016
    La cabina vista dall’interno

Da più di 20 anni, Manitou Italia produce e innova nella progettazione di sollevatori telescopici anche di grandi capacità. Destinati a tutti i lavori che in generale richiedono una movimentazione pesante, queste macchine sono utilizzate tanto nel settore dell’edilizia e dei lavori pubblici, quanto nell’industria e in settori più specifici come le miniere o nelle grandi infrastrutture.

La presentazione e la visita alle linee di montaggio

Dopo la presentazione in aula delle attività di Manitou Group, è seguita la visita guidata partendo dal piazzale di stoccaggio componenti e semilavorati e proseguita nei grandi magazzini dove sono disposti i piccoli componenti e gli accessori per l’assemblaggio.

Tre lettere per un concetto

Le MHT, Manitou Heavy Telescopic, rappresentano la gamma di telescopici fuoristrada Manitou destinata a movimentare carichi pesanti, e/o voluminosi, su terreni irregolari. Per le loro prestazioni eccezionali, le macchine della Serie MHT richiedono standard di sicurezza molto più elevati dei telescopici classici e sono caratterizzate da elementi tecnici specifici:

prestazioni
da 9 a 35 (40) t, la gamma delle MHT permette di rispondere a tutte le necessità di movimentazione fuoristrada. Gli stabilizzatori, possibili sulle MHT 1490 e 14350, permettono di aumentare le prestazioni di sollevamento, portata anteriore e altezza;
affidabilità
fedele alla sua politica di motorizzazione, il Manitou Group ha scelto un motore su misura per la macchina, per le sue funzioni e i suoi cicli d’uso: John Deere per l’MHT 790, Mercedes per tutta la gamma. Manitou ha scelto motori potenti, riconosciuti e affidabili per assicurare ai propri Clienti prestazioni ottimali;
precisione
tutte le macchine sono dotate di una trasmissione idrostatica per una maggiore precisione e flessibilità di movimento. L’idrostatica assicura all’operatore semplicità d’uso;
manovrabilità
dotate di quattro ruote motrici e direttrici, gli MHT possono lavorare in ambienti ristretti, effettuare manovre delicate grazie allo spostamento laterale e andare su strada con  due ruote direttrici. Questa manovrabilità permette una grande precisione nei movimenti durante i  lavori con accessi difficili;
capacità fuoristrada
con uno sforzo di trazione compreso tra 10.500 e 33.000 daN e un’altezza minima dal suolo da 38 a 69 cm, gli MHT ammortizzano facilmente le irregolarità del terreno. Per far questo sono conformi alla Norma EN 1459 B, una garanzia essenziale per l’utente della prestazione fuoristrada;
stabilità
ad eccezione della MHT 790, queste macchine sono dotate di un correttore di livellamento che compensa le variazioni del terreno di +/–10° per garantire le condizioni operative ottimali per l’operatore;
robustezza
grazie alla loro struttura sovradimensionata, al telaio rafforzato, queste macchine di grande capacità danno prova di grande robustezza per compiere lavori esigenti;
confort ed ergonomia
gli MHT dispongono del JSM® (Joystick Switch and Move) di serie che centralizza tutti i movimenti del braccio, oltre alla marcia avanti e indietro. La posizione alta della cabina (Rops/Fops) offre all’operatore un’ottima visibilità. Spaziosa, essa è dotata di un nuovo cruscotto con strumentazione semplificata grazie a un nuovo schermo digitale, di finestrini elettrici e di aria condizionata (in opzione);
polivalenza
il cambio di accessori è facilitato da un sistema di attacco rapido che consente l’uso di piastre per forche regolabili, piastre per spostamento laterale, posizionatori di forche, argano, braccetto, pinze per pneumatici, per cilindri, per tubi, piattaforme solleva persone, ecc.;
sicurezza
oltre al telaio rafforzato e alla cabina conforme alle Norme Rops/Fops, gli MHT sono dotati di un dispositivo elettronico di controllo dello stato del carico (in opzione sul 790, sul 1490 e sul 10130), in alternativa all’indicatore di stabilità longitudinale standard, dell’E-Reco System per gli accessori e di telecamere anteriori e posteriori (in opzione). Dispongono inoltre di freno di stazionamento automatico, per contribuire alla sicurezza delle operazioni di movimentazione sul sito di produzione.
Un mix d’artista

Grazie alla loro polivalenza, queste grandi capacità permettono di rispondere alle necessità e al servizio della movimentazione di materiali in numerose industrie:

  • cave e miniere: manutenzione di dumper, escavatori, camion da miniera, cambio di pneumatici, motori, cilindri, manutenzione dei nastri trasportatori, movimentazione di blocchi nelle cave, carico e scarico di camion, ecc.;
  • settore energetico: installazione di piloni elettrici e di eoliche, carico e scarico di pipeline, installazione di casseforme e installazioni ferroviarie;
  • prefabbricati per ponti e viadotti: movimentazione sui siti di produzione, carico e scarico di camion, movimentazione di materiale sfuso;
  • cantieri stradali: carico e scarico di camion, impalcature metalliche, installazione di elementi prefabbricati sul cantiere;
  • gallerie stradali e ferroviarie: carico e scarico di camion, installazione di casseforme, posacentine, lavoro aereo, posa impiantistica e sicurezza;
  • aeroporti e hub: movimentazione di container da 20 o 40 piedi, scarico di container, movimentazioni varie.

Manitou mette a disposizione del mercato un’ampia gamma di accessori e specifiche attrezzature selezionate, testate e omologate per coprire le esigenze delle varie attività, sempre garantendo la massima sicurezza.

Il Mining Competence Center: l’esempio “soluzione”

Gli MHT sono in grado di realizzare una grande varietà di servizi per tutte le costruzioni. Per consolidare, duplicare e sviluppare il mercato minerario, il Manitou Group ha creato il Mining Competence Center. Questo Centro riunisce una squadra di competenze internazionali (Italia, Sudafrica, Australia), in grado di sintetizzare i bisogni della professione, elaborare modelli e rendere concrete le trasformazioni sotto forma di modifiche o opzioni, al momento della progettazione o retroattivamente, per adattare la macchina alle applicazioni minerarie.

Tre nuovi modelli della gamma MHT

Il Manitou Group ha completamente rinnovato la sua gamma di MHT per offrire ai suoi Clienti ancora più prestazioni, comfort, sicurezza e soprattutto soluzioni adeguate attraverso numerose opzioni adatte ad ogni professione.

La trasmissione

Questi nuovi MHT comprendono una trasmissione idrostatica per una maggiore flessibilità e precisione nei movimenti. Semplice da usare, facilita carico e scarico, offre una grande precisione nel posizionamento del materiale e nelle manovre, rivelandosi preziosa anche nella movimentazione di elementi prefabbricati.

La motorizzazione

Per l’Europa, questiMHT sono dotati di un motore Final Tier IV Mercedes a quattro cilindri, 5,13 l – 176 CV – 750 Nm con valvola EGR (Exhaust Gas Recycling) e di SCR (Selective Catalytic Reduction) che richiede l’aggiunta di un liquido DEF (Diesel Exhaust Fluide) di tipo AdBlue o identico. Questa tecnologia contribuisce a ridurre i consumi di carburante fornendo prestazioni più elevate di un motore 3A. Anche la coppia risulta migliore. Il comparto motore è stato studiato per dare un’ottima accessibilità ai componenti e facilitarne la manutenzione. L’accesso ai diversi serbatoi è semplice e sicuro.

La cabina

La cabina è stata completamente riprogettata per offrire più spazio e comfort all’operatore. Rafforzata e specificatamente progettata (Rops/Fops), aumenta la sicurezza del conducente che gode di una migliore visibilità grazie all’assenza di canopy. La climatizzazione è proposta in opzione. All’interno, il JSM® e tutti i comandi situati sul bracciolo facilitano il lavoro di manipolazione dell’operatore.