Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Luigi Carrarini: l’uomo che… ha inventato lo Smart Team”

Intervista a Luigi Carrarini, Responsabile Unità Infrastrutturazione tecnologica della Direzione Operation e Coordinamento territoriale di ANAS SpA

Nasce la A2 “Autostrada del Mediterraneo”

La A3 Salerno-Reggio Calabria diventa A2 “Autostrada del Mediterraneo” che, lunga 436 km circa, andrà da Fisciano (SA) a Villa San Giovanni (RC). “Abbiamo lavorato in questi mesi – ha spiegato il Presidente Gianni Vittorio Armani – per trasformare l’A3 da simbolo negativo di eterna incompiuta d’Italia a esempio positivo di una grande autostrada moderna ed efficiente che sia anche una porta di accesso alla straordinaria scelta di mete turistiche offerte dalle aree che attraversa. Ecco perché si chiamerà Autostrada del Mediterraneo, una autostrada-itinerario che attraversa il cuore meridionale del Belpaese, divenendo essa stessa meta e luogo di sosta, in grado di generare circuiti di opportunità per il territorio. La nuova autostrada – ha concluso Armani – assumerà il nome di A2, come naturale prosecuzione dell’itinerario Nord-Sud che nasce a Milano con la A1”. L’itinerario Nord-Sud, originariamente identificato nella tratta A1 (Milano-Napoli), A3 (Napoli-Salerno) e A3 (Salerno-Reggio Calabria), oggi è di fatto composto da più segmenti autostradali tra cui l’A1, la A30, il Raccordo Autostradale Salerno-Avellino RA02 e la A3 Salerno Reggio Calabria, che non sono percepiti dal Cliente stradale come un unico collegamento. La A2, lunga 436 km, inizierà in località Fisciano dove ha sede l’Università degli Studi di Salerno e terminerà a Villa San Giovanni (RC) porta di accesso alla Sicilia, naturale conclusione dell’itinerariointernazionale E45.

La Tangenziale di Reggio Calabria

In Calabria, nel tratto finale compreso tra lo svincolo di Campo Calabro e il centro abitato di Reggio Calabria, denominato Tangenziale di Reggio Calabria, saranno realizzati interventi di manutenzione straordinaria per oltre 44 milioni. I lavori prevedono principalmente operazioni di restauro conservativo su alcune opere d’arte presenti lungo il tracciato, la sostituzione delle barriere di sicurezza esistenti, il rifacimento delle opere di regimazione idraulica e della pavimentazione degli strati superficiali della piattaforma stradale, interventi di mitigazione acustica attraverso l’installazione di barriere fonoassorbenti. I lavori, aggiudicati lo scorso 21 Dicembre, dureranno due anni.

Curriculum Vitae di Luigi Carrarini

Luigi Carrarini è Laureato in Ingegneria Elettrotecnica presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Attualmente è Responsabile dell’Unità Infrastrutturazione Tecnologica Impianti, della Direzione Operation e Coordinamento Territoriale di ANAS SpA. Tra gli incarichi ricoperti in ANAS, Project Manager della “Smart Road” ANAS; Project Manager del sistema di telecontrollo dei sistemi nelle gallerie ANAS; Responsabile dei sistemi tecnologici su circa 25.000 km di strade, circa 1.300 gallerie per uno sviluppo di circa 800 km; Responsabile della Progettazione per la Manutenzione straordinaria e per le nuove Opere dei sistemi tecnologici nelle infrastrutture stradali; Responsabile del Coordinamento per le Attività amministrative e tecniche e per il monitoraggio dell’applicazione della Direttiva Europea 54/2004/EC e del D.Lgs. 264/06 riguardante “Minimum Safety Requirements for Tunnels in the Trans-European Road Network” in ambito ANAS; Responsabile degli interventi di efficientamento energetico nelle infrastrutture stradali di ANAS.

È membro del CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) SC 64C per la redazione della nuova Norma “Impianti Elettrici nelle gallerie stradali e ferroviarie”, Vicepresidente del Comitato Tecnico D5 “Esercizio delle Gallerie stradali” dell’Associazione Mondiale della Strada, AIPCR Italia, quadriennio 2016-2019 e Consigliere di Amministrazione della Fondazione Fastigi. In precedenza si è occupato di Sicurezza di Sistema di Impianti in Italferr SpA, Società del Gruppo Ferrovie dello Stato in ambito Alta Velocità e linee tradizionali.

Condividi, , Google Plus, LinkedIn,