• Seguici su facebook twitter google+ friendfeed feed RSS
Strade & Autostrade

Pedemontana, Meolo-Jesolo e le altre

Il modello veneto delle infrastrutture: intervista all’Ing. Giuseppe Fasiol, Responsabile Unico di Procedimento di Pedemontana Veneta e Dirigente della Direzione Regionale Strade, Autostrade e Concessioni della Regione Veneto

Pubblicato martedì 12 febbraio 2013

Immagini

Il Veneto continua ad essere un fronte caldo per le infrastrutture italiane. La gestione commissariale realizzerà la Pedemontana Veneta, che collegherà Montecchio Maggiore (VI) a Spresiano (TV) attraversando una delle zone più industrializzate d’Italia.

Distretti industriali come Bassano del Grappa, Montebelluna, Cittadella, Marostica, Castelfranco Veneto e Valdagno sono oggi completamente scollegati dalla rete autostradale italiana. L’Ing. Giuseppe Fasiol è il Responsabile Unico di Procedimento (RUP) della Pedemontana Veneta, e da più di 20 anni segue l’iter amministrativo della Pedemontana e anche la realizzazione di altre autostrade come la Nogara-Mare e la Meolo-Jesolo.

“Strade & Autostrade”: “Cominciamo dalla Pedemontana Veneta. Quali sono le principali caratteristiche dell’opera?”.
“Giuseppe Fasiol”: “Si tratta di una superstrada lunga 94,5 km: 50 circa in trincea, 26,5 km in rilevato, 7,4 km di gallerie naturali, 9,3 km di gallerie artificiali e 1,3 km di ponti e viadotti”.

“S&A”: “Perché “superstrada a pagamento” e non “autostrada”?”.
“GF”: “Sostanzialmente per l’assenza della corsia di emergenza e il limite di velocità a 110 km/ora”.

“S&A”: “Perché venne fatta questa scelta?”.
“GF”: “Principalmente per la questione delle fasce di rispetto e dei raggi di curvatura nel tracciamento, con l’intento di rispettare le distanze dai vari edifici”.

“S&A”: “Quali sono i cantieri oggi attivi?”.
“GF”: “Il 10 Novembre 2011 venne posata la prima pietra per il cantiere-base di Romano d’Ezzelino. Subito dopo siamo partiti sul lotto 2A (6 km), compreso tra Thiene e Breganze, mentre la scorsa estate siamo partiti con le bonifiche anche sul lotto 2C (8 km) tra Marostica e Bassano.

“S&A”: “Quali saranno i prossimi cantieri a prendere il via?”.
“GF”: “Nei mesi di Novembre e Dicembre il Comitato Tecnico-Scientifico della Pedemontana Veneta ha esaminato i lotti 1B e 1C tra Thiene e Montecchio Maggiore, che comprendono la galleria di Priabona. Dopo l’approvazione, siamo pronti a partire con i cantieri”.

“S&A”: “La galleria di Priabona, in particolare, è una delle opere più impegnative di tutto il tracciato”.
“GF”: “Esatto. Sarà una galleria a doppia canna lunga 5,8 km, che unirà le valli dell’Agno e del Leogra. La sezione prevede due corsie per senso di marcia più una corsia di emergenza.

“S&A”: “Quando è prevista l’apertura al traffico dell’intera superstrada?”.
“GF”: “Per il 2016-2017. Al momento non sono previste aperture parziali, ma vedremo più avanti se sarà il caso”.

“S&A”: “Passiamo all’aspetto finanziario: quali sono i costi dell’opera?”.
“GF”: “Stiamo parlando di un’opera in project financing: il costo è di 2,13 miliardi, circa 200 milioni provenienti da fondi pubblici, il restante da capitali privati del Concessionario”.

“S&A”: “A differenza di altre opere in project financing, qui gli Azionisti del Concessionario sono i Costruttori stessi”.
“GF”: “Sì, il Concessionario è composto dall’ATI tra il Consorzio SIS (composto al 51% dalla torinese Fininc SpA e al 49% dalla spagnola Sacyr) e la spagnola Itinera Infraestructuras.”.

“S&A”: “Quali sono le previsioni sui volumi di traffico?”.
“GF”: “In media circa 25.000 veicoli al giorno, di cui il 15-20% sarà costituito da mezzi pesanti.”.

“S&A”: “Quale sarà l’ammontare delle tariffe?”.
“GF”: “Le tariffe ad oggi sarebbero di 0,07 Euro/km per le auto e mediamente 0,11 Euro/km per i mezzi pesanti, al netto dell’IVA”.

“S&A”: “Passiamo ora alla Meolo-Jesolo e alle sue caratteristiche principali...”.
“GF”: “Sarà anche questa una superstrada a pedaggio a due corsie per senso di marcia, della lunghezza di circa 19 km, dal costo di circa 200 milioni di Euro”.

“S&A”: “A che punto siamo con la realizzazione dell’opera?”.
“GF”: “Il progetto preliminare è stato approvato dal CIPE e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Il Nars sta effettuando le verifiche, dopodiché  avverrà la gara per l’individuazione del Concessionario. I cantieri partiranno a fine 2014, per un’apertura al traffico prevista per la fine del 2017”.

“S&A”: “Quali sono le altre opere importanti di cui è in corso l’iter per la realizzazione?”.
“GF”: “Tra i tanti progetti merita una menzione la Nogara-Mare. Il progetto preliminare è stato già approvato dal CIPE e stiamo concludendo la gara di concessione con la verifica dei requisiti del promotore. Penso che entro Febbraio 2013 potremo pervenire alla firma della convenzione per la concessione”.

La versione integrale del presente articolo è a pagina 6 del fascicolo n° 97 Gennaio/Febbraio 2013

Prossimi eventi

2014-10-23
2014-11-05
2014-11-13
2015-04-16

Osservatorio grandi opere

Autobrennero

Il rinnovo della concessione dell’ A22 rischia di trasformarsi in un passaggio difficile per il sistema autostradale italiano leggi

Brebemi

Brebemi si pone l'obiettivo di decongestionare l'attuale rete stradale e autostradale lungo il corridoio Milano - Bergamo - Brescia leggi

Pedemontana lombarda

La Pedemontana Lombarda è un sistema viabilistico di 157km, di cui 67km di autostrada, 20km di tangenziali e 70km di viabilità locale leggi

Pedemontana veneta

Dopo un iter burocratico complesso, lo scorso novembre sono stati ufficialmente avviati i lavori leggi

Milano Serravalle

La Società Milano Serravalle gestisce una rete infrastrutturale perno di uno dei principali network europei leggi

Tangenziale Est Esterna di Milano

Una Tangenziale Est di Milano parallela a quella esistente per alleggerire quest’ultima dal traffico che grava su di essa leggi

S&A online newsletter