Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Un potente mescolatore per un impianto eco-compatibile

Il nuovo mescolatore da 6 t è stato realizzato dalla Società Marini per rispondere alle esigenze dei clienti, alla loro richiesta di essere competitivi sul mercato garantendo l'ottima qualità del prodotto finale anche quando si usa il fresato (RAP) mantenendo la produzione costante anche con un aumento del tempo di mescolazione

I Clienti cercano macchinari eco-compatibili: zero emissioni e bassi consumi energetici sono i due principali vantaggi garantiti dal nuovo mescolatore.

Immagini

  • La fase di alimentazione del mescolatore con aggregati e RAP riciclato
    article_5344-img_3041
    La fase di alimentazione del mescolatore con aggregati e RAP riciclato
  • L’alimentazione del mescolatore con filler e bitume
    article_5344-img_3042
    L’alimentazione del mescolatore con filler e bitume
  • Il nuovo mescolatore Marini da 6 t
    article_5344-img_3043
    Il nuovo mescolatore Marini da 6 t
  • Il mescolatore sovradimensionato può gestire anche la produzione di altri prodotti
    article_5344-img_3044
    Il mescolatore sovradimensionato può gestire anche la produzione di altri prodotti

In Europa, una delle modalità più frequenti di utilizzo del RAP è quella che prevede l’inserimento del materiale fresato all’interno del mescolatore; quando le percentuali di materiale fresato iniziano ad essere importanti, si è obbligati ad allungare il ciclo di mescolazione in quanto il RAP deve poter essere riscaldato dagli aggregati surriscaldati, prima dell’iniezione del nuovo bitume e richiede inoltre un tempo maggiore per permettere una perfetta miscelazione dei differenti componenti. 

Sino a pochi anni fa, il materiale fresato veniva introdotto nel mescolatore a contatto con gli aggregati surriscaldati e il nuovo bitume era inserito quando la temperatura non era ancora omogenea.

Si riscontravano così due grossi problemi: creazione di fumi con elevate emissioni di VOC e, soprattutto, danneggiamento della qualità del nuovo bitume che si ossidava.

In definitiva, si dava un peso maggiore al mantenimento delle massime produzioni dell’impianto a scapito della qualità del prodotto finito e del rispetto dell’ambiente.

Qualità controllata e senza emissioni

Oggi con il mescolatore Marini possono essere usati sia gli aggregati sovrariscaldati che il RAP, vi è sufficiente tempo per evacuare i vapori (per esempio tutta l’acqua contenuta nel RAP freddo) e si ha inoltre la possibilità di iniettare il nuovo bitume nel preciso momento in cui i due componenti raggiungono la stessa temperatura.

In questo modo, non vengono create emissioni, viene mantenuta la corretta qualità del prodotto finito ed è possibile garantire al Cliente il mantenimento delle produzioni massime dell’impianto nelle varie condizioni di funzionamento. Un esempio per far meglio capire l’importanza del mescolatore maggiorato inserito su un Top Tower 4000: con un ciclo standard di 45 s, possiamo raggiungere la produzione di 320 t/ora ma, se per esigenze di produzione è necessario incrementare il tempo di mescolazione di 20 s, la produzione dell’impianto è limitata a 222 t/ora. Utilizzando un mescolatore da 6 t, è possibile mantenere la produzione massima con 20 s in più di miscelazione: in questo modo si è ottenuta la massima flessibilità garantendo la qualità finale del prodotto finito nelle più svariate condizioni operative.

La grande versatilità del mescolatore Marini

Al contempo, un impianto dotato di un mescolatore sovradimensionato, può gestire nel modo migliore anche la produzione di altri prodotti sempre più utilizzati nei mercati europei che prevedono l’utilizzo di additivi liquidi, solidi, fibre, ecc., senza contare il vantaggio di poter garantire, quando necessario, delle produzioni istantanee molto superiori a quelle tradizionali.

Sono tempi difficili per gli Imprenditori, ma possiamo dire che l’obiettivo fissato con la progettazione del mescolatore maggiorato – che può essere anche installato su impianti esistenti, – cioè garantire minor costi, minor consumi e manutenzione facilitata, è stato raggiunto. Non dimentichiamo inoltre che il mescolatore consente l’utilizzo di RAP freddo, bitume schiumato e tutte le soluzioni di riciclaggio.