Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Uniroad SP: l’unica calce senza polvere

Una radicale innovazione nel campo dei leganti per la stabilizzazione delle terre

Unicalce è da sempre impegnata nella ricerca di nuovi prodotti e nuove tecnologie che possano migliorare le lavorazioni in cui i propri prodotti sono utilizzati. Proprio grazie a questa filosofia aziendale da qualche anno è nata Uniroad SPTM, la prima calce per la stabilizzazione delle terre a polverosità confinata.

Uniroad SPTM è un prodotto ormai ben conosciuto dagli operatori del settore che ne apprezzano i numerosi vantaggi rispetto all’ossido di calcio tradizionale: la ridotta polverosità è l’elemento chiave che la distingue dai prodotti ordinari già presenti sul mercato e che la proietta direttamente nel futuro, dove le tematiche di salvaguardia ambientale e sicurezza dei lavoratori diventano sempre più importanti.

Uniroad SPTM non si disperde nell’ambiente, quindi è compatibile con qualsiasi contesto circostante al cantiere, ad esempio nelle vicinanze di colture agricole particolarmente sensibili o nei pressi di zone fortemente urbanizzate o in presenza di alte densità di traffico; inoltre, aumenta notevolmente la sicurezza degli addetti ai lavori e di eventuali persone che vivono o transitano nelle vicinanze del cantiere. Ridurre l’effetto di polverosità di un prodotto per sua natura polverulento, senza modificarne le caratteristiche chimico/fisiche è stata una sfida difficile da superare, che ha richiesto anni di prove, studi e investimenti; oggi gli sforzi fatti sono stati finalmente riconosciuti e ad Agosto 2015 Uniroad SPTM ha finalmente ottenuto il brevetto italiano; pertanto, è l’unico vero prodotto in grado di soddisfare le richieste di mercato di leganti a bassa polverosità.

  • Esempio di stesa di ossido tradizionale
    Esempio di stesa di ossido tradizionale
    Esempio di stesa di ossido tradizionale
  • Esempio di stesa di ossido tradizionale
    Esempio di stesa di ossido tradizionale
    Esempio di stesa di ossido tradizionale
  • I certificati delle analisi
    I certificati delle analisi
    I certificati delle analisi
  • I certificati delle analisi
    I certificati delle analisi
    I certificati delle analisi
  • Lo strumento di misurazione
    Lo strumento di misurazione
    Lo strumento di misurazione
  • Calce a ridotta polverosità
    Un esempio di utilizzo di calce a ridotta polverosità
    Un esempio di utilizzo di calce a ridotta polverosità
  • L’Uniroad SPTM
    L’Uniroad SPTM, con un valore di TEP pari al 37,27% inferiore alla soglia del 40% stabilita dal SÉTRA e rispetto all’ossido di calcio tradizionale, è l’unico legante a ridotta emissione di polveri
    L’Uniroad SPTM, con un valore di TEP pari al 37,27% inferiore alla soglia del 40% stabilita dal SÉTRA e rispetto all’ossido di calcio tradizionale, è l’unico legante a ridotta emissione di polveri
  • L’Uniroad SPTM
    L’Uniroad SPTM, con un valore di TEP pari al 37,27% inferiore alla soglia del 40% stabilita dal SÉTRA e rispetto all’ossido di calcio tradizionale, è l’unico legante a ridotta emissione di polveri
    L’Uniroad SPTM, con un valore di TEP pari al 37,27% inferiore alla soglia del 40% stabilita dal SÉTRA e rispetto all’ossido di calcio tradizionale, è l’unico legante a ridotta emissione di polveri

In questi anni, parallelamente alle migliorie che sono state apportate nel ciclo produttivo, al fine di ottenere un prodotto finale sempre più performante, abbiamo lavorato sul fronte delle certificazioni e sui test di laboratorio necessari per garantire lo standard di prodotto a bassa polverosità. Purtroppo la Normativa italiana è carente al riguardo, ci sono Norme che pongono dei limiti alle polveri presenti negli ambienti di lavoro ma non esistono Norme che definiscano il tasso di emissione di polveri dei leganti per la stabilizzazione delle terre. La situazione è diversa in Francia dove da diversi anni si utilizza quasi esclusivamente la calce a ridotta polverosità e dove è stata definita una AFNOR (Direttiva nazionale) per disciplinare esattamente la tematica.

La Norma è la AFNOR NF P94-103 del 2004 ed è importante sottolineare come lo standard francese abbia intrapreso il percorso per essere conformata agli standard europei diventando una Norma EN e quindi Norma di riferimento anche per il nostro Paese.

Questa Norma descrive uno strumento di laboratorio e, conseguentemente, una metodologia di misurazione che permette di esprimere con un numero l’attitudine all’emissione di polveri da parte dei leganti per stabilizzazione. In sostanza, lo strumento di laboratorio si compone di una campana contenente un setaccio su cui si posa il campione da testare; mediante una pompa del vuoto si provoca una depressione all’interno della campana con conseguente aspirazione di aria dal fondo dello strumento. Il movimento dell’aria provoca un sollevamento della frazione polverulenta del legante testato che viene allontanata dallo strumento, mentre sul setaccio rimangono le frazioni non polverose.

Il rapporto tra la quantità aspirata e la quantità iniziale rappresenta il “tasso di emissione di polveri”, nel testo originale “taux d’émission de poussière” il cui acronimo è TEP. Il TEP è un valore importante in quanto definisce in maniera univoca e in condizioni standard di laboratorio, l’attitudine di un legante a generare polveri durante la lavorazione; è la conferma numerica di quanto si può vedere a occhio nudo in cantiere.

Ma i numeri per avere importanza devono anche essere inseriti in un contesto che permetta di dare loro il giusto peso e il giusto valore. È per questo che nel 2009 il SÉTRA (Service d’Études sur les Transports, les Routes et leurs Aménagements, Ufficio Tecnico di competenza del Ministero dell’Ecologia, Sviluppo sostenibile ed Energia, controllato dalla Direzione Generale delle Infrastrutture, dei Trasporti e del Mare) emette una nota tecnica in cui spiega come leggere i risultati derivanti dalle prove. Dopo aver analizzato una serie di leganti stradali di diverse tipologie, il SÉTRA stabilisce una soglia entro la quale i leganti si possono definire a bassa emissione di polveri: quella soglia è il valore di TEP del 40%.

A questo punto, avendo compreso come operano in Francia riguardo alle polveri, abbiamo cercato qualche riscontro in Italia; in sostanza siamo andati alla ricerca di un laboratorio che ci potesse supportare nell’effettuare delle analisi seguendo la metodologia AFNOR. Dopo mesi di ricerche abbiamo conosciuto il laboratorio C.R.E. di Calusco d’Adda (BG), fondato dal Sig. Antonio Manzoni che, credendo nel nostro lavoro e nelle potenzialità del nostro prodotto, ci ha supportati riuscendo a replicare la metodologia descritta dalla Norma AFNOR. Siamo quindi in grado di pubblicare i risultati del laboratorio che dopo una serie di test sui nostri leganti ha prodotto i due certificati di analisi.

Come si legge sui certificati, l’Uniroad SPTM ha un valore di TEP pari al 37,27%, inferiore alla soglia del 40% stabilita dal SÉTRA e soprattutto notevolmente inferiore rispetto all’ossido di calcio tradizionale che ha espresso valori di TEP pari a 84,55%. Uniroad SPTM è quindi anche sulla carta, oltre che nei fatti, l’unico legante a ridotta emissione di polveri, un passo in più nella direzione di lavorazioni, prodotti e tecniche sempre più ecocompatibili.

Il C.R.E. Centro Ricerche Ecologiche

Il C.R.E. Centro Ricerche Ecologiche nasce a Calusco d’Adda nel 1995 dal Sig. Antonio Manzoni e dalla Sig.ra Cristina Pedretti. In 20 anni di attività vengono annoverati oltre 1.000 Clienti ripetibili del settore industriale e pubblico. Il laboratorio è certificato con Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2008 e opera nei seguenti settori:

  • ecologia;
  • tossicologia ambientale;
  • geologia e geotecnica;
  • controlli di qualità;
  • inquinamento acustico.