Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Ue: Europarlamento, illegale pedaggio autostradale in Germania

L’Europarlamento ha accusato la Germania di aver violato le regole di non discriminazione dell’Unione Europea introducendo il suo nuovo sistema di pedaggio autostradale, malgrado il via libera ottenuto lo scorso dicembre dalla Commissione. In una risoluzione adottata con 510 voti a favore e 126 contro, i deputati europei sostengono che lo schema che permette ai residenti in Germania di dedurre i costi della vignetta autostradale dalla tassa sulle automobili costituisce una discriminazione “indiretta” nei confronti dei cittadini di altri paesi.

L’Europarlamento mette anche pressione sulla Commissione, chiedendo per quale ragioni abbia deciso di chiudere la procedura di infrazione contro la Germania. “La Commissione, come guardiano dei Trattati, deve monitorare la corretta attuazione e applicazione della legge europea”, ha ricordato la presidente della commissione trasporti dell’Europarlamento, la verde tedesca Karima Delli. Per l’Assemblea di Strasburgo, “una deduzione fiscale di un veicolo nazionale, che persegue l’obiettivo di imporre il pedaggio in primo luogo agli utenti stranieri, costituisce una violazione del principio di non discriminazione”. L’Europarlamento vuole regole comuni per definire un quadro coerente e non discriminatorio per i sistema dei pedaggi in tutta l’Ue.

Attualmente Irlanda Francia, Spagna Portogallo, Polonia, Croazia, Grecia e Italia applicano pedaggi sulla base della distanza percorsa dai veicoli. Austria, Slovenia, Slovacchia, Repubblica ceca, Ungheria, Bulgaria e Romania usano il sistema di “vignetta” a tempo. I paesi nordici e del Baltico, Belgio, Olanda e Lussemburgo, per contro, non impongono alcun pedaggio sulle loro reti autostradali. Anche in gran parte del Regno Unito non sono previste tariffe. La revisione della legislazione di Eurovignette e dell’European Electronic Toll Service (Eets, Servizio europeo di telepedaggio, ndr) – secondo l’Europarlamento – potrebbe essere un’opportunità per armonizzare i sistemi di pedaggio in Europa.