Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Sistemi integrati di infomobilità

Un framework metodologico basato sugli ITS per colmare il gap attualmente esistente per i servizi di trasporto collettivo dell’utenza

Gli attuali sistemi e servizi di informazione all’utenza presentano numerose criticità, in particolare in termini di affidabilità e continuità dei servizi, non rispondendo pertanto all’esigenza di essere sempre disponibili, anche in presenza di numerosi operatori di trasporto sul territorio. Per far fronte a queste criticità e favorire una crescita dei servizi di infomobilità è necessario adottare un approccio collaborativo e sistemico che tenga conto delle esigenze dei diversi attori coinvolti nei processi di mobilità. Gli utenti finali e le Aziende di trasporto possono essere messi in relazione attraverso un sistema centralizzato basato su tecnologie ICT che consentono il monitoraggio continuo delle componenti. L’architettura di un siffatto sistema necessita delle caratteristiche di interoperabilità, scalabilità e cooperazione di sottosistemi utili alla erogazione personalizzata e continua dei servizi di infomobilità agli utenti finali.

Fondamentali sono l’integrazione e la gestione in tempo reale dei dati provenienti dai sistemi e dai servizi di trasporto distribuiti sul territorio, rilevati da una rete diffusa di sensori di misura del traffico veicolare o provenienti da flotte di veicoli equipaggiati con device mobili e applicativi per la tracciabilità tramite GPS. Relativamente a questa ultima funzionalità, l’evoluzione degli attuali smartphone rende possibile, oltre a nuovi ed avanzati servizi per l’utente (per esempio, infomobilità e teleassistenza), anche l’applicazione di metodologie di supporto nella scelta del percorso e delle modalità dello spostamento.

In tale direzione si muove l’approccio proposto dagli Autori, con l’obiettivo di individuare una soluzione per la gestione e l’ottimizzazione degli spostamenti, con particolare attenzione al tema della sostenibilità e, pertanto, con enfasi sull’utilizzo del trasporto collettivo. L’approccio prevede l’implementazione di un sistema di informazione all’utenza interattivo, basato sulla reale posizione dell’utente, nonché la valutazione dell’impatto che l’introduzione di tale sistema possa avere sulla scelta del modo di trasporto, nell’ottica di favorire lo spostamento verso forme di trasporto sostenibili. Il requisito principale del sistema è di consentire, attraverso un’infrastruttura tecnologica innovativa ed aperta, la condivisione e l’integrazione di dati ed informazioni resi disponibili da tutti i sistemi che monitorano parti del sistema globale della mobilità, pubblica e privata, compresi gli spostamenti dei singoli individui. Il sistema mira infatti all’armonizzazione e alla integrazione degli attuali sistemi informativi del trasporto unimodale all’interno di un’unica piattaforma attraverso la raccolta, la fusione e l’elaborazione delle basi di dati relative ai diversi provider (Aziende di trasporto pubblico, Gestori di sistemi AVL, ecc.).